Libertinismo in pillole

L’altare più erotico di Venezia

libertinismo in pillole

L’altare più erotico di Venezia

L’altare di Santa Caterina di Alessandria nella Chiesa di San Giovanni Elemosinario non passa di certo inosservato… ecco perché.

I Santi Sebastiano, Caterina e Rocco del Pordenone

La piccola chiesa di San Giovanni Elemosinario, nel cuore di Rialto ma quasi irriconoscibile dall’esterno, è un vero scrigno d’arte veneziana. Benché fondata nell’XI secolo, la chiesa attuale fu ricostruita in stile rinascimentale dopo il rovinoso incendio che distrusse l’area di Rialto e terminata nel 1531. All’interno furono chiamati a lavorare alcuni dei massimi artisti dell’epoca come Tiziano, Antonio de’ Sacchis detto Il Pordenone, Palma il Giovane e Domenico Tintoretto.

Pordenone realizzò la pala di Santa Caterina, Rocco e Sebastiano (1530-1535). La tela, una delle opere più interessanti dell’artista, è celebre per la posa sensuale e l’estrema nudità del San Sebastiano. Ma a rendere l’altare di Santa Caterina di Alessandria il più erotico di Venezia (e probabilmente al mondo) concorre il lunettone dipinto da Domenico Tintoretto dove Santa Caterina medicata dagli angeli appare nuda e formosa come una Venere.

Straordinario capolavoro di Tiziano è invece la pala dell’altare maggiore dedicata a San Giovanni Alemosinario (1545 circa). Questa ricchezza di capolavori non è solo dovuta alla presenza di varie confraternite di arti e mestieri che fecero a gara nell’abbellirla. Si trattava infatti di una vera e propria chiesa di Stato, la cui amministrazione era soggetta ai Dogi. Non sorprende allora la somiglianza tra il San Giovanni Elemosinario di Tiziano e i ritratti del Doge Francesco Donà…

Orari di apertura:
Da lunerdì a sabato dalle 10.30 alle 13.15

Vuoi visitare la chiesa di San Giovanni Elemosinario con Venezia Libertina?

Ti consiglio di includerla in questo tour:

Resta aggiornato sulle visite guidate e i nuovi contenuti di Venezia Libertina!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tratteremo i tuoi dati nel massimo rispetto della tua privacy. Iscrivendoti alla Newsletter dichiari di accettare il trattamento dei dati.